Con i piedi freddi

di Roberto Albini

Da quando non ho più il fegato
la domenica mattina
riesco perfino a sentire gli uccelli cantare
e le auto strombazzare
e i motorini smarmittare.

Da quando non ho più il naso
riesco a leggere il giornale
senza paura di vomitare
o esondare
o emigrare.

Da quando non più gli occhi
sono dimagrito di dieci chili
sono cresciuto di sessanta centimetri
sono più simpatico
ma meno espressivo.

Da quando non ho più il cuore
digerisco pure le fave
la notte è più corta
e non arriva a coprirmi i piedi.

Senza cuore
ho i piedi freddi.

Annunci